LA PIAZZA DI NAPOLI

da | 30 Ott, 23 | Travel

La città di Napoli sta vivendo una vera e propria rinascita fra nuove aperture e itinerari originali che trasportano i turisti sui luoghi dei film e delle serie tv.Un set da oscar.

Il grande cuore partenopeo è sotto i riflettori di mezzo mondo, non solo per il calcio, ma anche per il cinematografo come “Dall’amica geniale” di Polo Sorrentino a “E’ stata la mano di Dio”, fino al “Mare fuori” in un crescendo spasmodico e vorticoso quindi è venuto il momento di essere visitata in tutte le sue bellezze.

La festa è per strada, nei quartieri più veraci e popolari come Toledo, Forcella, il Rione Sanità, via Emanuele De Deo per arrivare ai quartieri spagnoli. La Napoli dei panni stesi, degli affrescai, dal Panaro che si cala dai balconi.

Musei e spazi privati partecipano a questo grande revival come il Real Bosco di Capodimonte di oltre 140 ettari, prima riserva di caccia dei Borbone per continuare con il giardino Botanico Torre dove i Borbone coltivavano ananas, agrumi, che dopo anni di accurato restauro architettonico riapre i battenti.

Ercolano e Pompei con la casa dei Vetti, la domus, simbolo dell’intero parco archeologico con il suo bel giardino e affreschi strepitosi tra tutti quelli a sfondo erotico.

Casa della Gemma a Ercolano, con i suoi meravigliosi mosaici pavimentali di eccezionale valore, tra tutti, quelli del Triclino. Insomma una città dai mille segreti storici pronti a essere scoperti, ricchi di poesia e soprattutto di gran mistero.

Dove dormire

Casa d’Anna B&B di notevole charme nel cuore del Rione della Sanità (doppia da 160 euro. Casadanna.it)

Hotel San Francesco Al Monte 50 camere con giardino pensile, ricavate presso un antico convento con vista strepitosa sulla città (doppia da 180 euro.) sanfrancescoalmonte.it

Dove mangiare

La stufa dei fiori una tisaneria e bistrot nel Real Bosco di Capodimonte, ricavata in una serra di fine ‘800 (delirireali.it)

Luminist caffetteria, bistrot, cocktail bar all’ interno della galleria d’ Italia con cucina a vista e piatti firmati dallo chef Giuseppe Iannotti.

Scotto Jonno caffè, ristorante, e biblioteca diffusa, 600 mq. Di arte e arredi e decori Liberty in via Broggia all’ interno della galleria Principe di Napoli.

Trattoria Nennella. Tuffo in una Napoli verace tra pasta e patate, polpette al ragù e verve partenopea nel cuore dei quartieri spagnoli (trattorianennella.it)

L’ebrezza di Teonilla. Una corte di un palazzo seicentesco nel cuore di Chiaia ai fornelli di due chef di rango Dario De Gaetano, Antonio Apa per una cucina tipicamente tradizionale napoletana.

Archivi